La Repubblica Slovena per le imprese : risparmi fiscali e vantaggi

Tassa sugli utili d'impresa al 19%
Costi societari interamente detraibili
IRAP assente
STUDI DI SETTORE assenti
INAIL assente
ARTICOLO 18 assente
TFR assente
Aree bilingui italiano / sloveno
Ottima posizione geografica
Strutture portuali e ferroviarie
Basso costo del lavoro
Bassi costi di energia e locali industriali/commerciali
Rapida crescita economica

Segui i nostri aggiornamenti

successo società slovenia

Denaro, lavoro e successo: una correlazione certa?

A volte capita di discutere con amici e clienti su quale sia la chiaver reale per il successo. Strategie, disciplina, risparmio o investimento...le risposte sono ovviamente molteplici. Ma il comune denominatore di tutte queste strategie è solo uno: LA MENTE MILIONARIA.

Tutto ciò che ci accade non è solo una coincidenza, né è una coincidenza che qualcuno sia ricco. Il libro di T. Harv Eker, I segreti della mente milionaria, ci da alcune delle caratteristiche decisive delle menti dei milionari e del denaro in generale.

Senza abbellimenti il libro pone le fondamenta sul denaro e su se stessi in discussione. Siete pronti a percorrere la strada della scoperta della mente milionaria? Credo che lo siate.

Riassumerò alcuni dei punti essenziali dell'autore.

Innanzitutto, è importante sottolineare che di denaro ne hanno quelli per i quali ha valore. I ricchi non hanno l'obiettivo di sentirsi a proprio agio. I ricchi sanno quello che vogliono.

L'autore ritiene che i ricchi non fuggano dal problema, ma crescono con il problema e diventano così più grandi del problema.

Molte persone credono che i soldi rovinino la gente, ma l'autore lo nega. L’autore dice che il denaro aumenta solo la qualità di ciò che siamo già. Se siamo generosi, i soldi ci renderanno ancora più generosi.

Gli altri fatti del libro dei ricchi e dei poveri sono:

1. I ricchi credono di essere loro stessi a creare la propria vita. I poveri credono che la vita gli accada.


2. I ricchi giocano la partita del denaro per vincere. Le persone povere giocano la partita del denaro per non perdere.


3. I ricchi si impegnano ad essere ricchi. Le persone povere vogliono essere ricchi.


4. I ricchi pensano in grande. I poveri pensano “in piccolo”.


5. Le persone ricche si concentrano sulle opportunità. Le persone povere dirigono l'attenzione sugli ostacoli.

6. I ricchi ammirano altre persone ricche e di successo. I poveri invidiano le persone ricche e di successo.


7. I ricchi socializzano con persone positive e di successo. Le persone povere si associano a persone negative e senza successo.

8. I ricchi sono pronti a fare pubblicità per se stessi e per il proprio valore. I poveri vedono la vendita e la pubblicità in modo negativo.


9. I ricchi sono più grandi dei loro problemi. Le persone povere sono più piccole dei loro problemi.


10. Le persone ricche sanno accettare. I poveri non sanno accettare facilmente.


11. I ricchi decidono di pagare a seconda della prestazione. I poveri decidono di pagare a seconda del tempo.


12. I ricchi pensano "entrambi". I poveri pensano "l'uno o l'altro".

13. I ricchi richiamano l'attenzione sul loro valore netto. Le persone povere dirigono l'attenzione sul reddito da lavoro.


14. I ricchi possono gestire con successo i propri soldi. Le persone povere non riescono a gestire i propri soldi.


15. I ricchi fanno lavorare duramente i propri soldi. I poveri lavorano duramente per i soldi.


16. I ricchi lavorano nonostante la paura. I poveri permettono alla paura di fermarli.


17. I ricchi imparano e crescono costantemente. I poveri pensano di sapere già tutto.

Dove siamo

Realizzazione sito web by OS Marketing & Design ltd

© 2017 - Sloveniabusiness è un marchio Anis Biro d.o.o. - anisbiro.si